Samuel Stern 28: London Calling

La storia, come succede di solito nelle avventure di Samuel Stern, vede il Rosso e padre Duncan impegnati a svelare un mistero demoniaco. Ma il vero mistero di questa storia non è neppure accennato, tuttavia è immanente e pervasivo. Che sia possessione a un piano di esistenza ancora inferiore?

Particolare della copertina, con la testa di un cadavere sul tavolo dell'autopsia e, a terra, un arto

Probabilmente hai già letto la storia. Se non lo hai fatto, ti invito a farlo prima di proseguire la lettura di questo articolo, perché altrimenti le mie parole ti potrebbero sembrare incomprensibili.

Fatto?

Bene! Possiamo proseguire...

Che cos'è l'amore?

Il fulcro della vicenda attorno al quale ruotano tutti gli avvenimenti è il legame che tuttora lega Konrad Mazur alla sua moglie defunta.

Qualcuno potrebbe dire che un legame così profondo fa onore a Konrad. Qualcun altro potrebbe obiettare che in realtà Konrad è prigioniero di un rapporto che non esiste più e che si rifiuta di andare avanti.

Fatto sta che Konrad le prova tutte per ritrovare sua moglie, anche a ricorrere a forze sovrannaturali.

Il problema è che per raggiungere il suo scopo non esita a sacrificare sua figlia.

Questo è amore?

La risposta la dà a Konrad lo spirito stesso della moglie, quando lui riesce finalmente a raggiungerlo.

Lo spirito della moglie gli rivela che lui non ha mai saputo che cos'è l'amoreClicca per ingrandire

Sì: quello di Konrad non è amore.

Soprattutto, non è amore genitoriale.

A dirla tutta, e per giocare un po' con i contenuti splatter dell'albo, è un amore genitoriale letteralmente fatto a pezzi.

Il mistero dell'amore genitoriale di Samuel

Non so se è successo anche a te, ma al termine della lettura dell'albo mi è rimasta una sensazione di disagio.

D'accordo: Samuel e padre Duncan hanno "risolto il caso"... Però...

Tuttavia...

D'altronde...

Be', è inutile girarci attorno: c'è qualcosa che non torna.

Una vicenda del genere, che si basa su un rapporto malato di un padre verso la figlia, avrebbe dovuto lasciare strascichi profondi in Samuel, visto che lui stesso è genitore e che ha "abbandonato" la figlia in un istituto, senza neppure farle sapere della sua esistenza.

Esattamente un anno fa (vedi il n. 16, Il processo Stern) ne avevamo saputo poco di più sulla vicenda che ha visto la morte della moglie Madison e l'allontanamento della figlia Lily e fin dal n. 13 (Tra due mondi) sappiamo che ora Samuel va a trovare Lily ogni settimana, senza però che le abbia ancora detto di essere suo padre.

Da allora, silenzio totale.

Francamente, non è credibile. D'accordo che il tempo nei fumetti è dilatato, ma comunque non è credibile. Nel mondo di Samuel Stern è successo di tutto, ma il rapporto con sua figlia si è cristallizzato?

Ma non ci credo!

A pensare male (e questa è una perversione che ogni tanto mi concedo), direi che gli autori non sappiano più come venire fuori da questo ginepraio, non trovino il modo di gestire nella continuity normale del personaggio un rapporto così importante e delicato. E urgente, visto che si tratta di una bambina che sta crescendo e per la quale due anni sono metà dell'eternità.

{slider title="Patetico tentativo di pararmi il culo" open="false" class="icon"}

Faccio il gradasso con quelli della Bugs perché ormai so che mi sopportano. Gliene ho dette e fatte di ogni, ma ancora sono qui che respiro.

Però forse è meglio non tirare troppo la corda, per evitare di andare giù con lo sciacquone...

{/sliders}

Sondaggio: quale immagine ti piace di più?

Per segnalare questa mia recensione su Facebook e su Instagram, ho costruito (a partire dal materiale grafico del numero 28) due immagini specifiche.

Vorrei capire quali sono i gusti di quei tre lettori che mi seguono, perciò: quale ti piace di più? Quella per Facebook (orizzontale) o quella per Instagram (quadrata)?

Samuel di fronta a BiancaClicca per ingrandire

Parte inferiore della copertinaClicca per ingrandire

Puoi anche dirmi che fanno schifo entrambe: non mi offendo. Ma, se fossi in te, traccerei un bel pentacolo intorno al tuo letto, per le prossime notti...

Per esprimere il tuo parere puoi lasciare un commento, sia alla fine di questo articolo sia su Facebook o Instagram (che, lo riconosco, al momento è proprio poverello... Ma crescerà!).

Le parole di Angus

Mi dedicherei volentieri all'evocazione dei viventi, quella sì che sarebbe un'arte a cui dedicare tempo e attenzioni.


Sostieni i miei studi: fai una donazione

A quasi sessant'anni, ho deciso di iscrivermi all'università. Facendo il calcolo di quanto mi costa (tra tasse accademiche, esami, libri di testo, spostamenti, tempo tolto alla professione eccetera), iscrivermi è una pazzia. Ma una voce interiore mi dice di farlo.

Perciò faccio fiducia a questa voce interiore (sperando che non si tratti del primo segno di un crollo psicotico) e cerco di dare il meglio di me. Tu però puoi aiutarmi: puoi infatti sostenere i miei studi facendo una donazione, per la quale scegli tu l'importo: dai 5 euro in su è tutto ben accetto. Ciò mi permetterà di finanziare almeno in parte i miei studi e di continuare a dedicare del tempo al mio blog con argomenti che spero utili.

PayPal ti premette di fare una donazione anche se non hai un conto PayPal: puoi infatti usare la tua carta di credito o di debito, senza alcuna commissione aggiuntiva (se non quelle della tua banca).

Puoi fare la donazione cliccando sul link o inquadrando il QR Code: scegli tu la procedura che ti è più semplice.

Se non sei pratico, leggi le istruzioni su come fare la donazione

Per prima cosa, clicca sull'immagine del link diretto o su quella del QR Code: portano entrambe alla pagina delle donazioni di PayPal.

Schermata della finestra di PayPal per le donazioni, con le istruzioni

Quando appare la finestra per le donazioni, scrivi direttamente l'importo che vuoi donare: basta iniziare a scrivere, perché l'importo sostituisce automaticamente gli zeri iniziali.

Puoi anche decidere di aggiungere una piccola percentuale, pari alle commissioni che io pago a PayPal, e far sì che sul mio conto arrivi l'importo pieno.

Inoltre puoi selezionare la casella che rende mensile la tua donazione. Stai molto attento a questa casella: per me è molto importante sapere che posso contare ogni mese sul tuo sostegno, ma astieniti se non sei ben certo di ciò che stai facendo.

Al termine della donazione, puoi inviarmi un messaggio: fallo se vuoi comunicarmi qualcosa a cui tieni.

Segui il link

Libri antichi e un paio di occhiali: link diretto alla pagina delle donazioni. Sostieni i miei studi!

 Inquadra il codice QR

Codice QR per la donazione per sostenere i miei studi

Se vuoi saperne di più su sulla mia laurea, leggi il mio articolo Ho deciso di prendere la laurea (e tu puoi aiutarmi).


 

 

Il sistema dei commenti è di CComment

Questo è il sito web personale di Claudio Romeo

Codice fiscale: RMOPQL63E17F205B

Puoi usare liberamente le informazioni qui riportate, ma solo se citi la fonte
Il copia e incolla non è invece permesso: se hai dubbi, scrivimi.